Fédération Européenne des Cités Napoléonienne

Gehe zu Navigation | Content | Language

Borodino

La battaglia di Borodino (Бородинская битва Borodinskaja bitva) conosciuta anche come la battaglia della Moscova (7 settembre 1812), fu la più grande e sanguinosa battaglia di un solo giorno combattuta durante le guerre napoleoniche, avendo coinvolto più di 250.000 uomini, e causando almeno 70.000 vittime.

Venne combattuta tra l'Impero francese di Napoleone Bonaparte con i suoi alleati, e la Russia dello zar Alessandro I vicino al villaggio di Borodino (ad ovest dalla città di Možajsk).
La battaglia terminò senza grandi risultati tattici per nessuno dei due schieramenti. Le forze francesi sotto il comando di Napoleone Bonaparte non seppero infliggere all'esercito russo comandato dal generale Kutuzov la sconfitta decisiva, necessaria per concludere la campagna. La successiva ritirata dell'esercito russo dopo la battaglia fu imposta da ragioni strategiche e alla fine portò l'esercito di Napoleone al disastro.

Napoleone, al comando del grosso delle forze, avanzando verso Mosca, urtò contro il grosso delle forze russe presso Borodino posta sulla grande strada che dalla Polonia porta a Mosca. Dopo un giorno di schermaglie tra avanguardie pochi chilometri a ovest di Borodino, il giorno dopo, circa 250.000-300.000 uomini diedero vita a una enorme battaglia. I russi erano trincerati su alcune alture divise da un'area pianeggiante paludosa e cosparsa di boschi. Su questa area erano state costruite tre fortificazioni campali (chiamate ridotte).

Napoleone spinse il proprio centro contro tali ridotte mentre il principe Poniatowski e Davout dovevano tenere occupate le ali.

Dopo tre giorni di violentissimi scontri i russi si ritirarono dopo aver perso le ridotte. Più cavalleria o una maggiore spinta sull'ala sinistra (Poniatowski con pochi uomini riusci quasi a travolgere il settore russo di fronte a lui) avrebbero portato l'esercito francese ad una vittoria più netta. I russi evacuarono Mosca lasciandola a Napoleone, che non aveva le risorse per rimanervi e fu costretto ad abbandonarla.

La battaglia di Borodino è stato un punto fondamentale nella campagna di Russia come se fosse l'ultima battaglia offensiva combattuta da Napoleone.

La battaglia fu descritta magistralmente anche all'interno del romanzo Guerra e pace di Tolstoj.
Essendo un romanzo non ha valenza storica ma l'autore si documentò bene e la descrizione della battaglia è molto attinente ai fatti. Vengono descritte le disposizioni di Napoleone e di Kutuzov prima e durante la battaglia estrapolate dagli storiografi di entrambe le parti in campo.