Fédération Européenne des Cités Napoléonienne

Gehe zu Navigation | Content | Language

Waterloo

 

Waterloo, con i suoi 29.000 abitanti, si trova a meno di 20 km. a sud di Bruxelles ed è essenzialmente un comune residenziale. Quartieri alberati fiancheggiano armoniosamente importanti zone commerciali ed un centro d'affari molto apprezzato. E' una città multiculturale che possiede un 20% della popolazione di origine anglo-sassone, un centro internazionale di musica internazionale, ed è la culla dei cartoni animati grazie a Franquin, Morris, Jijé e Will. Inoltre è diventata un polo turistico notevole. Qui centinaia di migliaia di turisti accorrono per rivivere l'atmosfera dell'Impero [napoleonico].

I combattimenti del 1815 hanno avuto un impatto universale che ha generato nel mondo intero ben 124 città e migliaia di località che portano oggigiorno il nome di Waterloo...
Il ricordo di Napoleone ed i siti da visitare.

L'influenza napoleonica sulla storia di Waterloo è enorme. I nomi di Napoleone e di Waterloo rimangono legati insieme anche se altre due battaglie hanno preceduto quella più celebre [del 1815]. I combattimenti precedenti sono quello del 1705 nel corso del quale Jacques Pastur vinse le truppe di Marlborough, e quello dell'anno 1796 quando il generasle Lefebvree affrontò le truppe austro-olandesi del Principe d'Orange.

Ma la battaglia del 1815 ha avuto molteplici ripercussioni. Sul piano turistico in quanto si ritiene che abbia dato vita ai «tour operators (operatori turistici)». Essi, già all'indomani dello scontro, si occupavano dei turisti appena sbarcati dai battelli: inglesi, russi o americani che volevano rivivere le ultime ore dell'Imperatore.

I più grandi scrittori del XIX° secolo, da Victor Hugo a Charles Baudelaire, passando da Walter Scott, Alexandre Dumas, Lord Byron e Stendhal, visitarono il sito e gli consacrarono centinaia di pagine, dandogli un significato universale all'avvenimento.
Oggi una vera industria turistica si sviluppa sul campo di battaglia che si trova protetto e preservato da un'unica legge federale. Si contano più di cento monumenti sul sito e non meno di sei musei o attrazioni internazionali.

Tra i quali:

 

  • Il Museo Wellington, Quartier Generale del Comando delle Armate Alleate, che accoglie splendide collezioni militari, migliaia di incisioni d'epoca e ricordi del Duca di Ferro;
  • L'ultimo Quartier Generale di Napoleone che presenta delle collezioni legate alla presenza dell'Imperatore in questa fattoria, la veglia della battaglia.
  • Il Panorama della Battaglia: tela circolare unica che illustra gli scontri del 1815;
  • La Collinetta del Leone, monumento olandese realizzato con 30.000 m3 di terra ed eretto dove il Principe d'Orange è stato ferito;
  • Il Centro del Visitatore, che propone uno spettacolo audiovisivo ed un film destinati a meglio comprendere la battaglia;
  • Il Museo delle Cere, che ricostruisce le scene dello Stato Maggiore con personaggi di cera realizzati nei laboratori di Grévin.

voir la vidéo "Waterloo touristique"
see the movie "Waterloo touristique"
vedi il video "Waterloo touristique"

 

La carta « PASS 1815 » permette di visitare l'insieme di queste attrazioni ad un prezzo competitivo. E' in vendita sul posto a 6 €.

In vista del bicentenario della battaglia, le autorità locali e regionali hanno acquistato la quasi-totalità del sito storico, con l'intenzione di irigervi un monumento commemorativo.

Waterloo: Facade Wellington
Waterloo: Facade Wellington

Commune de Waterloo

Echevinat du Tourisme
28 rue François Libert
B 1410 Waterloo
Belgique
tel : + 32 2 352 98 11
www.waterloo.be
yves.vandercruysen@publilink.be

Waterloo: Grande Salle
Waterloo: Grande Salle

Maison du Tourisme

218 chaussée de Bruxelles
B 1410 Waterloo
Belgique
tél : + 32 2 352 09 10
fax : + 32 2 354 22 23
email : info@waterloo-tourisme.be
www.waterloo-tourisme.be

Waterloo: Bivouac
Waterloo: Bivouac
Waterloo: Salle Wellington
Waterloo: Salle Wellington