bicentenario 2021
Copia di Senza titolo (89)

vilnius

Alla vigilia della campagna di Russia, Vilnius era un'importante città di confine dell'impero russo. Dopo l'integrazione del Granducato di Lituania nell'impero nel 1795, era diventata la capitale di una provincia e un importante centro militare e strategico russo. La guerra con la Francia si stava inesorabilmente avvicinando e la Lituania sarebbe inevitabilmente diventata un campo di battaglia tra le due potenze.

VilniusOggi

Lituania

544 386

POSIZIONE

abitanti

Luoghi napoleonici

Copia di Copia di Senza titolo - 2020-11-22T152441.622

Il 24 giugno 1812, la Grande Armata attraversò il fiume Niemen ed entrò a Vilnius, che si arrese senza combattere. Gli abitanti della città accolsero i soldati della Grande Armata come liberatori, iniziando quello che la storiografia lituana chiama Prancūzmetis, il "periodo francese", che cambiò così drammaticamente il ritmo di vita abituale dei lituani.

Napoleone trascorse 19 giorni a Vilnius, durante i quali si occupò degli affari militari e dell'installazione del governo del territorio occupato, prima di partire per la Campagna di Russia, la cui ritirata, pochi mesi dopo, colpì fortemente Vilnius, dove migliaia di corpi sepolti di soldati della Grande Armata, vittime dell'inverno del 1812, sono stati trovati ancora nel 2002.

Sito web della città di Vilnius: www.vilnius.lt

visitare la città

it_IT
Torna su